Wall & Decò: storie nascoste tra i mobili.

Carta da parati per l’arredo contemporaneo

Grazie alla carta da parati, i tuoi spazio racconteranno nuove storie. Storie di colori, di paesaggi esotici, di personaggi fiabeschi, di mondo paralleli geometrici o pittoreschi. La carta da parati, dopo un lungo periodo di crisi, sta tornando di grande moda. Da sempre considerata la sorella “povera” delle arti figurative e decorative, la carta da parati è tornata ad essere oggetto d’interpretazione da parte degli artisti contemporanei. In questi giorni, anche alla Biennale di Venezia, è possibile ammirare un’imponente opera “WallPaper Dusk” dell’artista contemporaneo Francesco Simeti. Un’immensa e raffinata carta da parati il cui pattern vuole essere un tributo alle Città Invisibili di Calvino.

L’artista ha dichiarato: “Non sempre c’è il sole ad irradiare una stanza, anche una carta da parati può dare personalità ad un intero appartamento, se posta nel punto giusto.”

In questi ultimi periodi è tornata di gran moda la cara vecchia carta da parati. Quasi tutte le case di una volta avevano almeno qualche camera decorata con la carta da parati e forse per questo, in tempi recenti aveva finito per stufare abbastanza, sembrando sempre qualcosa di vecchio e di demodé.

Oggi però la carta da parati è tornata di gran lunga di moda.

Ovviamente con la carta da parati non è più obbligatorio decorare tutte le pareti di una stanza: sarà sufficiente scegliere solo alcuni angoli da rendere caratteristici e particolari oppure si possono realizzare altri tipi di decorazione ancora più particolari.